Leggere per conoscere la Birmania

Leggere per conoscere la Birmania

Cronache birmane di Guy Delisle (Ed. Fusi orari)
L autore è Guy Delisle, un disegnatore canadese, che si ritrova a vivere un anno in Birmania con la sua compagna ed un figlio di pochi mesi. Da questa sua esperienza è nato un libro a fumetti che rappresenta un approccio certamente singolare per raccontare un Paese martoriato da anni di dittatura, dove ogni piccolo problema quotidiano rappresenta un ostacolo da superare. Come quando l autore si mette alla ricerca di una boccetta di inchiostro e, solo dopo una settimana, riesce a trovarne una. A momenti di vita quotidiana si alternano spiegazioni, ad esempio, riguardo la situazione sanitaria nel Paese ed il ruolo rappresentato in tale ambito dalle Ong, oppure in merito alla censura attuata dal regime sui giornali e su internet. Nonostante le difficoltà incontrate, l autore riesce a trasmettere comunque l immagine di un popolo gentile e disponibile ed a narrare, in modo spesso anche divertente, quella che è l attuale realtà birmana dove, a parole come democrazia, libertà e giustizia si sono sostituite dittatura, censura e soprusi quotidiani.  Alessandra Rossi

Le città invisibili di Italo Calvino (ed. Mondadori).
Atlante di luoghi sognati, riflessione sul potere evocativo delle parole, saggio in forma di poesia su stanzialità ed erranza, repertorio delle stravaganze urbanistiche possibili e impossibili… Le città invisibili sono tutto questo e molto altro ancora, ma soprattutto sono un libro bellissimo. Seduto sul suo trono, affatto scoraggiato dall'incomprensibilità dell'altrui lingua, il Kublai Khan immagina le cinquantacinque città che Marco Polo, mercante, viaggiatore e ambasciatore, affabula e gesticola dinnanzi a lui, suscitandole ad una ad una con pochi, sapienti tratti. Detto così, sembra niente: e invece è una straordinaria folgorazione, di quelle che ti cambiano la percezione delle cose. Per sempre. Poi, se proprio ci tenete a sapere cosa diavolo c'entra questo libro con la Birmania, potrà essere utile sapere che: 1) Fu il Kublai Khan a decretare la fine dell'impero birmano e della sua capitale Bagan, che si accartocciò su se stessa nel 1287, forse erosa da un devastante incendio, o forse subitamente abbandonata prima che cadesse nelle mani dei Mongoli. 2) Marco Polo ebbe l'opportunità, forse unico tra gli Europei, di vedere Bagan in tutto il suo splendore, prima che il Kublai Khan la radesse al suolo (oppure che venisse subitamente abbandonata…). 3) Una volta tornati a casa, il ricordo dell'intollerabile bellezza di Bagan continuerà a tormentarvi i giorni e le sere, costringendovi a leggere e a rileggere incessantemente ogni singola pagina del libro per vedere se veramente lì dentro, tra le tante Città invisibili, non ce ne sia una disseminata di templi che voi avete avuto la buona sorte di camminare non molto tempo prima...    Antonello Bacci
Via dei Campani, 63
00185 Roma
tel.: 064941161
fax: 064940472
info@darwinviaggi.com
 
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

® DARWIN SAS - Tutti i diritti riservati - P.IVA 01982491001